CONDIVIDI
Trasparenza sul centro islamico di umbertide

L’amministrazione di Umbertide continua con la cultura del “silenzio”! Un silenzio nel quale trovano riparo molti aspetti che attengono al costruendo centro culturale islamico, aspetti che sono definibili non chiari e per questo noi diciamo basta a questo atteggiamento. Alcune settimane fa abbiamo inviato all’Autorità Nazionale Anticorruzione e alla Corte dei Conti un esposto per far luce su tutto l’iter tecnico-amministrativo che ha preceduto l’assegnazione del suolo e l’autorizzazione alla costruzione del centro culturale islamico. Un atto doveroso verso la città e i cittadini.
Una città che meritava più amore e più rispetto da parte di chi l’ha governata nell’ultimo decennio, ma purtroppo così non è stato, tutto è stato calato dall’alto negando qualsiasi relazione tra i cittadini e l’amministrazione.

Hanno preferito ignorare il fatto che con i cittadini si può “anche dialogare”, mentre sarebbe stato più semplice fare le cose con trasparenza e stabilendo un dialogo con una forte tensione verso la pluralità e la multiculturalità. Un dialogo capace di mettere in ascolto fra loro tutte le diversità, capace di riconoscere chi veramente vuole integrarsi e chi no. Noi, per quanto ci riguarda, non siamo protesi né verso l’ateo, né verso il cristiano, né l’induista e né il musulmano, per noi i segni distintivi delle persone sono i valori etici-morali. Ciò che ci preme mettere in evidenza è il modo “nascosto”, quasi segreto, con cui è stato trattato il capitolo moschea. Perché non fare le cose alla luce del sole così da evitare nel cittadino sospetti e dicerie? Speriamo in un cambiamento che inauguri un ritorno della TRASPARENZA e del DIALOGO nel nostro paese, ma per arrivare a questo serve memoria e coraggio. Coraggio nel voler cambiare, memoria nel ricordare come si è stati trattati.

Valentina Pigliapoco, Michele Venti – M5S Umbertide