CONDIVIDI
UMBRIA MOBILITÀ: CHI È IL VILLAN CHE DORME?
45 POLITICI E AMMINISTRATORI COINVOLTI, LA PRESIDENTE MARINI RISPONDA.

Lo scoop di oggi, dell’inchiesta esplosiva della Corte dei Conti sul disastro finanziario di Umbria Mobilità, che vedrebbe coinvolti 45 tra politici e dirigenti (che si affianca all’inchiesta della Procura di Perugia) apre scenari completamente nuovi e imprevedibili.
Forse questo spiega il fortissimo nervosismo della maggioranza verso la Commissione d’inchiesta da noi istituita con le firme di tutta l’opposizione. Dopo il voto, seguirono telefonate “concitate” della Presidente ad ogni membro della maggioranza (che ora vuole cambiare le regole sulle commissioni d’inchiesta).

Solo pochi giorni fa, la Presidente Marini, mi dava del “villan che dorme” quando chiedevo chiarimenti, dati alla mano, circa l’impiego di milioni di euro PUBBLICI da parte di Umbria Mobilità. Una distruzione della cosa pubblica sotto gli occhi di tutti, che cittadini e dipendenti pagano ogni giorno, da anni. Politici arroganti, Marini in primis, da troppo tempo gestiscono la Regione in modo autoreferenziale, trattando la minoranza e persino le autorità di controllo con sufficienza, arroganza e fastidio, fino alle offesa personali o ad atti puramente intimidatori, come mega-querele che hanno solo lo scopo (vano) di tapparci la bocca a chi chiede legittimamente delle risposte su come viene gestita la cosa pubblica. Quel tipo di “politica” era tipico delle ex repubbliche democratiche di stampo comunista, dove comandava solo il segretario di partito e ogni controllo e opposizione era solo di facciata…
Io dissi alla presidente Marini, dopo che mi aveva offeso, che avrei chiesto scusa se avessi avuto torto (anche se avevo i documenti sotto mano). Ora credo che sia giusto che lo faccia lei.
Nel frattempo, faremo tutto il possibile affinchè la Commissione d’inchiesta, nell’ambito delle proprie competenze, faccia piena luce su tutte le responsabilità politiche e amministrative del presente e del passato di questo disastro di cui l’Umbria è vittima, facendo tutti i nomi di chi ne è responsabile…