CONDIVIDI

Trevi - Bonifica Clitunno, Conf. Stampa M5S. Parte 2

Trevi - Bonifica Clitunno, Conf. Stampa M5S. Parte 3

Trevi - Bonifica Clitunno, Conf. Stampa M5S. Parte 4

I rinvii a giudizio di questi giorni, pur nel rispetto del principio di innocenza, sembrano dimostrare che le nostre denunce sulle condizioni del Clitunno e sul tipo di interventi che vi erano stati condotti erano fondate. Il Comune di Trevi dovrebbe costituirsi parte civile insieme alla Regione che dovrebbe anche valutare il commissariamento del Consorzio di bonifica.

Dopo l’incidente della Umbria Olii, fin dal 2012, sono stati stanziati milioni di euro per la bonifica del fiume Clitunno. Il Consorzio per la bonificazione umbra è intervenuto per rimuovere i fanghi dal letto del fiume, dato che essi contenevano gran parte delle sostanze inquinanti finite nel corso d’acqua. Ma sul riutilizzo di quei materiali vi erano indicazioni precise dell’Arpa, che subordinava l’impiego sugli argini alla verifica della loro pericolosità. Invece i fanghi sono stati lasciati per molto tempo lungo il fiume, esposti agli agenti atmosferici, e poi utilizzati come base per strada di servizio. Dal sopralluogo effettuato a suo tempo dal nostro consigliere comunale a Trevi Simone Moretti emerse che i fanghi erano pieni di rifiuti ed emettevano un odore nauseante. Oltre a trovarsi a brevissima distanza dalle coltivazioni

E ora che il Noe e la magistratura hanno valutato fondate le nostre denunce auspichiamo che il Comune di Trevi si costituisca insieme alla Regione parte civile nel processo contro gli indagati per la mancata bonifica e che la Regione Umbria valuti il commissariamento del Consorzio, a cui peraltro spetterebbero anche gli eventuali ulteriori interventi sull’area. Solleciteremo anche l’attenzione dell’Unesco, considerando che il fiume Clitunno è in piena area di rispetto del sito di Campello, già classificato Patrimonio mondiale dell’Umanità